A.S.D. DOWN UP ACROBATIC ACADEMY
Home Adriana Crisci
Cosa cerca Adriana
Biografia
Work shop Athlet
Workshop Show time
Work shop Trainer
News on-line!
Guestbook
Contatti
Photogallery
 

Biografia

 

LA FAMIGLIA E LE SUE PASSIONI 
Adriana Crisci nasce ad Eitorf (Germania) il 24 luglio del 1982, da padre siciliano (Calogero) e madre greca (Stamatia). Ha una sorella maggiore, Marianna, di 29 anni, anche lei ex nazionale di Ginnastica Artistica, ed un fratello, "Pippo", di 31 anni.
Le sue passioni sono la Musica (dal Jazz, all'R&B, dalla Musica Italiana al Soul...Insomma, fatele ascoltare tutto, TRANNE CHE LA CLASSICA!!), i Film, Internet e i Viaggi.
Odia la Pirateria, non sopporta le persone Disoneste, False e Ipocrite e non riesce a non dare la sua opinione davanti ad una ingiustizia!
Manca leggermenete di diplomazia, ma piano piano sta imparando!

ADRIANA E LA GINNASTICA
Adriana si avvicina alla palestra per un problema fisico, dovuto ad una nascita precoce(nasce Settimina) sin dal primo giorno di vita le viene riscontrata una paralisi corporea di tutto il lato sinistro del corpo completamente.
Alletà di soli 2 anni e mezzo,  per seguire le orme della sorella Marianna e per riabilitare la parte del corpo ancora semi paralizato; a 4 anni Adriana inizia a frequentare i corsi-base, a 6 anni entra nel pre-agonismo e a 7 anni inizia ad allenarsi 4 ore al giorno per 6 volte a settimana, assieme al gruppo delle "Grandi", dove puntualmente viene utilizzata come mascotte della società alla quale appartiene, lAugusta Taurinorum.
Cresce a Torino e si allena presso la palestra di Scienze Motorie, dove l
attrezzatura scarseggia; manca la pedana del corpo libero , le travi sono situate a 50 centimetri dal muro, la rincorsa del volteggio è lunga solamente 13 metri (rispetto ai 25 normali) e la buca è inesistente. Nonostante tutte le difficoltà, Adriana riesce a costruire un suo programma, e a 8 anni inizia finalmente a gareggiare, dove, sin da subito, riesce a conquistare sempre le prime 3 posizioni. 

Nel 1992, a 10 anni, conquista la 2
° posizione ai Campionati Italiani di Categoria Juniores e destate viene convocata per la prima volta ai ritiri nazionali di Gruppo C. 

Nel 1993, viene nuovamente convocata per i ritiri nazionali, questa volta di Gruppo B, mentre la sua societ
à sbalza dalla Serie C alla Serie A.
Adriana non potr
à partecipare al Campionato Italiano a Squadre poiché è stata variata letà minima, e di conseguenza declassa da Junior ad Allieva.
 
Nel 1994 conquista il titolo Italiano di Categoria Allieve, ma Adriana, assieme alle sue compagne di squadra, si ritrova senza societ
à, poiché il Presidente, dopo aver partecipato al Campionato di Serie A ed essersi piazzato alla 4° posizione, decide di chiudere la Società, senza avvertire in tempo gli istruttori e le ginnaste,
Fortunatamente Adriana viene convocata ai ritiri nazionali di gruppo A, dove rimane impegnata per tutta l
estate. Verrà tesserata per la Ginnastica Pro Novara. 

Nel settembre del 1994
viene presa al Centro Tecnico Nazionale di preparazione Olimpica a Milano e pochi mesi dopo partecipa ai suoi primi Campionati Italiani Assoluti, dove, per ragioni di et
à, non può gareggiare per il concorso generale, ma solamente per i titoli allattrezzo. A soli 12 anni porta a casa 2 ori (Trave e Corpo Libero)e 1 Bronzo (Parallele). 

Nel 1996
arrivano finalmente i suoi primi risultati concreti: 2 medaglie dargento agli Europei Juniores, rispettivamente nel concorso generale e al Corpo Libero.
Adriana non potrà partecipare ai Giochi Olimpici di Atlanta 96 perché letà per la partecipazione è stata innalzata dai 14 anni ai 15. Adriana è fuori di 7 mesi
 


                    
       Adriana Crisci durante gli Europei di Birmingham

Il 1997 la vede protagonista ai Giochi del Mediterraneo ai Giochi del Mediterraneo, dove conquista 5 Medaglie, ma la vede anche protagonista di una spiacevole avventura: il Centro Tecnico di Milano viene chiuso per un paio di mesi e Adriana decide di abbandonare l
attività, poiché rimasta senza i suoi allenatori e senza palestra. Da agosto ad ottobre torna a Torino, dove, però perde lo stimolo di proseguire. Decide però di andare avanti nel momento in cui viene riaperto il Centro. 

Nel 1998 Adriana partecipa agli Europei di San Pietroburgo (Russia), ai Mondiali Juniores di Mosca (Russia) e alle Gymnasiadi di Shanghai (Cina). 

Il 1999
è un anno importantissimo, poiché la Squadra Femminile, dopo 24 anni di assenza dai Giochi Olimpici, riesce a centrare la qualificazione, piazzandosi all Undicesima posizione in occasione dei Mondiali Qualificanti

Il 2000 finalmente arriva e Adriana pu
ò finalmente coronare il suo sogno: oltre ad aver riconquistato il titolo Italiano Assoluto, centra 2 finali per attrezzo agli Europei di Parigi e si conquista nella squadra olimpica una posizione da leader.
Il 2001
è un anno ricco di cambiamenti e di ritiri agonistici da parte di molte ginnaste di punta e Adriana ne risente. Prende una pausa durante lestate che dura circa 5 mesi. Decide di riprendere lattività agonistica, ma non viene presa al Centro Tecnico di Milano. Sarà lallenatore Sergio Brambati della Pro Patria Milano a rimetterla in forma in soli 2 mesi. Si allena presso la palestra di Scienze Motorie di Milano.
A distanza di 2 mesi Adriana
è nuovamente pronta a gareggiare.
Gareggia al suo ultimo campionato italiano a squadre di Serie A in prestito alla Pro Patria Milano.

Il 28 marzo del 2002 Adriana decide di lasciare definitivamente l
attività e per lei inizia una nuova vita.
Si trasferisce nella citt
à di Meda (MI), dove vive da sola in affitto;nel frattempo, si diploma in Ragioneria con 70/100 e trova un posto di lavoro come apprendista presso Mediaworld, dove vi rimane per 3 anni. 

Nellottobre del 2005 non le viene rinnovato il contratto e torna a Torino con la famiglia, dove finalmente pu
ò fare ciò che più lei ama: dedicarsi allo Sport. Qui a Torino collabora con 3 Società Sportive nellambito della Ginnastica Generale. Inoltre, segue anche una coppia di rockn roll acrobatico. Nel frattempo, organizza, per lestate successiva, i suoi camps estivi di Ginnastica Artistica. 

Nellestate del 2006, durante i suoi stages estivi, conosce uno dei tanti Tecnici della Nazionale di Trampolino Elastico, che la nota mentre lei si diverte a
"giocare" sul mini-tramp. Vincenzo, con molta scioltezza, le propone di fare delle prove di allenamento sul Trampolino Elastico, e Adriana accetta, senza sapere che da lì a breve la sua Vita avrebbe preso una nuova ma vecchia direzione 

Il 15 settembre del 2006 Adriana decide di trasferirsi a Parma e inizia questa sua nuova carriera da ginnasta trampolinista, tesserata per l'Olimpia Gambettola, societ
à in provincia Di Forlì-Cesena.

Nel settembre del 2007 si trasferisce a Matera per motivi lavorativi ma piu' che altro per ritrovare se stessa e la serenità persa negli ultimi annioi, e decide di riprendere l'attività agonistica da trampolinista a gennaio del 2008, per dare un'aiuto alla società materana, Dinamic Center, nella quale lavora come istruttrice di ginnastica artistica e trampolino elastico.

             

Parte il Campionato Italiano e Adriana si vede a suo malgrado protagonista di un infinita serie di vittorie!
Vince la prima prova di campionato italiano, vince la seconda, vince la terza, vince la Finale, e agli Assoluti si piazza solamente Terza, nonostante un lei abbia fatto un ottimo esercizio a livello di esecuzione e di difficoltà.

Nel settembre del 2008 Adriana, purtroppo, si vede costretta a tornare a Nord per mancanza di lavoro, scelta presa con molta cautela e tanta amarezza, perchè Matera, per lei, è stato sinonimo di rinascita interiore e di crescita mentale.
Torna a Torino e sin da subito inizia a lavorare presso la Società Ginnastica Victoria al pomeriggio dal lunedì al venerdi', mentre nei week end il sabato mattina collabora con la Societa' Virtus Grugliasco e le domeniche le dedica a partecipare a stages di ginnastica e trampolino.




Oggi ci sono stati già 1 visitatori (1 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=